sabato 8 ottobre 2011

Doma'

Tra Pettino e Camarda passa la faglia di tutti
coju radon de jorno ji massera nn dormo
addo' vajo a fini' doma'
do vajo?

Tra la tenda e ju mare mo tengo casa a Pagliare
'na coppa de piastra messa là a dondolare
'nanzi a 'na strada infinita
...è 'na statale.

Dei bai dei
Temé
old mi ma che sta' a di'?
Che sta' a di'?
Dice che, te steo a di', stamme a senti'.

Ma doma', doma'
me tengo rizza'
ju tempo passa e ce demo da fa
se nn ce 'ice sfiga fa 'na botta da tre
l'era ittu Giuliani.
Issu 'ice cuscì.

Dopo sei mesi de tenda ji non me reconosco,
abituato aju Sebach mo' va bona ogni posto
ogni scossa che sinti chiami tutti ji parenti,
oh, ma la sci sentita?
Ji non so sentito gnenti!
La sci sentita? Era quattro pe' mì
recomenza doma'.

Da Coppito a San Sisto era tutto 'n'arrosto
castrato o cottora come a Ferragosto
addo' magnerò doma'?
Do magnerò? Ma che cazzo ne so...

Toooorrooooh!

Dove berrò domani
coju centro invaso daji topi e daji cani.
Se vedemo domani a Piazza Palazzo
colla callarella mani.

Tra ji monti e ju mare torneremo a nuotare
e ju casello non me lo fa' pagare
ju sfollato ju vidi doma'
non sa che è 'na prua
auà cullù è Aquilano!

Ji so dell'Aquila e manco ju meteo sapea addo' stea
mo lo sa pure Obama, lo sa l'Unione Europea
lo sanno quiji che pe tempu se so' fatti ji conti
e mentre contavamo i morti issi conteano i sordi.

Ma almeno casa te la te'?
Sci ma è E mae' e ti?
È B
e sci
e no
e mo?
Eh boh
non me la 'anno quella de Berlusco',
Mado'
stengo ancora sulla costa, ma vabbo'...

Oh mo ecco sinti quello che te 'ice sta gente
coju Gran Sassu a nu passu che ce brilla ju sole
e pure a noialtri ce se scalla ju core.

Quatrani e quadrane nu
non semo cuscì soli
so chiù ji volontari che nu
non semo cuscì soli
ma sci visti gli clown quanti so'?
Mo semo quasci soli
'amme na mano a fa' 'sa casetta
nu semo cuscì soli
c'hanno messo in otto entro 'na stanzetta
sulla stessa piastra.

Novantanove rotonde devi attraversare
te se gira la coccia, non sai più dove andare
e pensa' che voleo ji a Coppito du'
me retrovo a Pagliare.

'Ngulo fra che sola!

Ma Giuliani, Giuliani, Giuliani lo sa,
lo sa che 'na scossa la po' refa'
e di nuovo Pesciò dice che era da tre
l'era 'ittu Giuliani.
Ma sul sito ufficiale vai a verificare
co' 'na botta de... fortuna la puoi azzeccare
ma che cazzo de vita co' 'ste sleppe da tre
recomenza doma'.

Aju Boss doma', doma' già lo saccio
retrovo ji amici co' 'na tazza e 'n'abbraccio
e di nuovo ju centro è la vita pe' me
recomenza... doma'!

Doma' sta già ecco.
Doma' so cazzi...

(Artisti uniti per L'Aquila)

[Listen on YouTube: Doma'.
Dedicata agli amici aquilani che mi hanno fatto innamorare di questa splendida città]
[Update: qui la traduzione]

Nessun commento:

Posta un commento