mercoledì 15 febbraio 2012

Il turbamento della gelosia

Cadere via, volare giù
senza paracadute senza idee
è il lato oscuro della solitudine. 

D'ora in avanti adesso o mai più,
ma il mondo intorno sordomuto va
per la sua strada buia e senza uscita
è il turbamento della gelosia. 

Bambina mia quanto mi manchi
lo sai che ancora 
ho ancora un cuore dentro.

Cadere via, volare giù
è un sogno ricorrente che non riesco a fare più
è il lato oscuro della solitudine.

Tu non sei un santo, non sei un eroe
sei piuttosto un vinto che infelice scappa via
ché la paura è vera e cova bestemmie
è il turbamento della gelosia.

Bambina mia quanto mi manchi
lo sai che ancora
ho ancora un cuore dentro.

Lo sai che ancora,
ho ancora un cuore dentro,
ma quando mi incontro nello specchio
non so più chi sono,
non so più che fare,
non so più dire, non più pensare,
non conto niente.

Ed è per questo che odio Milano,
facce seccate e il cielo plumbeo
piange pioggia giorno e notte,
giorno e notte.
Ed è per questo che volo lontano,
lontano da te.

Mi guardi senza dire una parola
sorridi mentre dentro muori ancora
è il lato oscuro della solitudine
è il turbamento della gelosia
bambina mia, Dio mio, quanto mi manchi
lo dirai a mamma che ho ancora un cuore dentro?

(Il Teatro degli Orrori)

Nessun commento:

Posta un commento