sabato 26 dicembre 2009

Revisionismi

Naturalmente, cuore di ogni revisione resta il giudizio sull'antifascismo, e cioè sulle idee fondanti della Repubblica Italiana. Qui si è manifestato con maggior vigore uno dei fenomeni che hanno accompagnato le fortune di Silvio Berlusconi: il "pentitismo" di non pochi esponenti, veri o presunti, della sinistra. Tra i sostenitori del premier si contano a dozzine gli ex comunisti, gli ex antifascisti, gli ex militanti dell'estrema sinistra. Nel campo del revisionismo storico, sono stati costoro a giocare un ruolo fondamentale.

Un caso tipico è quello del giornalista Giampaolo Pansa. Con un passato di antifascista, collaboratore del settimanale di sinistra (più un tempo che oggi) L'Espresso, si è specializzato in volumi, partoriti a getto continuo, sui "crimini" della Resistenza. La documentazione è dubbia o lacunosa, le imprecisioni sono innumerevoli, ogni episodio è isolato dal contesto. Ma ciò non conta, rispetto allo scopo; che non è rivalutare il fascismo, quanto fare tabula rasa di ogni sistema di valori e di ogni valutazione autenticamente storica, sostituita da una sorta di cronaca nera a posteriori.

Un sistema già adottato, da parte della sinistra moderata, nei confronti dei sommovimenti sociali degli anni '70, letti solo in base al concetto di legalità, strappati al quadro temporale, ridotti a fatti di interesse solamente giudiziario – fino ad approdare, nei casi peggiori, alle teorie cospirative che sono il surrogato, in ambito neoliberale, della filosofia della storia.

È triste dirlo, ma la "nuova destra" italiana non sarebbe mai sorta senza il concorso attivo della sinistra.

(Valerio Evangelisti, "L'autunno del patriarca")

Nessun commento:

Posta un commento