domenica 3 ottobre 2010

★ Non rassegnatevi al male

Forse qualcuno ci ha fatto l'abitudine e nemmeno lo nota più, ma anche oggi, per l'ennesima volta, i TG nazionali aprono con la visita del Papa in giro per l'Italia.

A parte la consueta ovvietà delle dichiarazioni che ha rilasciato, è davvero triste vedere come un'intera nazione, che dovrebbe prendere a riferimento la laicità, si genufletta senza spirito critico di fronte a un simbolo indiscutibile di malaffare e ipocrisia.

La cosa avvilente è che anche i quotidiani iniziano ad accodarsi a questa pratica: mentre scrivo, repubblica.it, corriere.it, lastampa.it e FQ pubblicano la foto del Pontefice in cima alla propria pagina web; unità.it riserva all'evento lo stesso spazio che lascia alle dichiarazioni del Presidente della Repubblica, allo sciopero degli operai Fincantieri, al ventennale della riunificazione della Germania.

Il padrone della televisione, tra mignotte e bestemmie, ha molto da farsi perdonare, ma gli altri? O volete venirmi a raccontare che "Non rassegnatevi al male" è una notizia?

3 commenti:

  1. questo stato non sarà mai laico... Coglionazzo sedicesimo è tornato dall'inghilterra, la sua ingerenza ci era mancata tantissimo

    RispondiElimina
  2. Sono sull'orlo di una crisi di nervi.

    RispondiElimina
  3. siamo noi gli ospiti del Vaticano... da anni purtroppo!
    un saluto

    RispondiElimina