domenica 17 gennaio 2010

Mediaset non è gratuita

Caro [Furio] Colombo, nel rispondere al lettore Piero Cappelli (29/12/2009) lei sembra condividere la tesi, peraltro diffusissima, che le reti Mediaset siano gratuite, contrariamente a quelle della Rai alla quale si paga il tributo/canone.

Non sono affatto d'accordo. Lei trascura l'incidenza della pubblicità sul costo finale dei prodotti. La "gratuità" delle reti Mediaset è pagata da noi con i costi maggiorati dei prodotti. E non mi si venga a dire che anche la Rai fa pubblicità: sfido chiunque a cronometrare gli intervalli pubblicitari della Rai e quelli di Mediaset, sarebbe come paragonare Davide a Golia.

Inoltre, come ha spiegato molto chiaramente il bancarottiere Calisto Tanzi che versò a Berlusconi il 5% del fatturato Parmalat, se si affidava la pubblicità a Mediaset si avevano agevolazioni a livello politico, addirittura Tanzi ottenne la nomina di uomini suoi ai posti apicali di alcune banche. E questo sistema corrotto grava sulle nostre tasche, ma nessuno ce lo spiega.

(Tiziana Gubbiotti, lettera a "Il Fatto Quotidiano" del 6 gennaio 2010)

2 commenti:

  1. Sarà tutto gratuito dopo la costruzione del ponte sullo stretto di Messina. Lo dice Nostradamus. E anche il Capitano Findus. Che io poi del Capitano Findus mi fido ciecamente.

    RispondiElimina
  2. Bello questo commento, lo posso mandare a un mio amico gay che lo pubblica sul suo blog? ^_____^

    RispondiElimina