venerdì 29 maggio 2009

La pena di morte scoraggia la criminalità? [02]

IL MITO
Gli individui sono meno indotti a commettere reati violenti, tra cui l'omicidio, se sanno di essere puniti con la pena di morte.

IL FATTO
Questo argomento presuppone che i criminali studino e anticipino le conseguenze dell'arresto e decidano che un lungo periodo di reclusione sia accettabile, al contrario di un'esecuzione. Molti reati in realtà sono commessi in base a decisioni impulsive, lasciando poche possibilità alle pene potenziali di influenzare i criminali poiché, nel momento in cui agiscono, non pensano al loro arresto e al fatto che dovranno rendere conto delle loro azioni.

La pena di morte può addirittura provocare ulteriore violenza. L'esecuzione è l'estrema sanzione che uno Stato può infliggere a una persona. Una volta che i criminali sono consapevoli di aver commesso un reato capitale, non hanno più alcun interesse a ridurre la loro potenziale pena non commettendo ulteriori omicidi o altri reati. Se, per esempio, la rapina a mano armata prevede la pena di morte, il rapinatore non ha nulla da perdere nell'uccidere eventuali testimoni durante il tentativo di fuga.

Nessun commento:

Posta un commento