venerdì 15 maggio 2009

Otto per mille [02]

IL TESTO DELLA LEGGE
L'otto per mille è normato dalla
legge 222/85.

COME FUNZIONA IL MECCANISMO?
Ogni cittadino che presenta la dichiarazione dei redditi può scegliere la destinazione dell'otto per mille del gettito IRPEF tra sette opzioni: Stato, Chiesa cattolica, Unione Chiese cristiane avventiste del 7° giorno, Assemblee di Dio in Italia, Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi, Chiesa Evangelica Luterana in Italia, Unione Comunità Ebraiche Italiane.

In realtà nessuno destina il proprio gettito: il meccanismo assomiglia di più ad un gigantesco sondaggio d'opinione, al termine del quale si contano le scelte, si calcolano le percentuali ottenute da ogni soggetto e, in base a queste percentuali, vengono poi ripartiti i fondi.

Come se non bastasse, la mancata formulazione di un'opzione non viene presa in considerazione: l’intero gettito viene ripartito in base alle sole scelte espresse.
Alcune confessioni, più coerentemente, lasciano allo Stato le quote non attribuite, limitandosi a prelevare solo quelli relativi ad opzioni esplicite a loro favore: cosa che NON fa la Chiesa cattolica, ottenendo un finanziamento quasi triplo rispetto ai consensi espliciti ottenuti a suo favore.

Ecco perché è importante compilare questa sezione della dichiarazione dei redditi.

Qualora il contribuente non sia tenuto alla presentazione della dichiarazione, può comunque effettuare ugualmente la scelta della destinazione dell'otto per mille consegnando il CUD in una busta chiusa a un ufficio postale.

4 commenti:

  1. ..vorrei solo ricordare a tutti però che lo Stato da anni non investe l'OPM per le finalità di legge (es fame nel mondo, calamità naturali es terremoto ecc) ma lo usa per coprire i buchi delle Finanziarie (es mancati introiti ICI, ultimamemente) o per finanziare anche operazioni NATO (es missione in Iraq). Quest'anno ad es, degli oltre 80 milioni di euro assegnati allo Stato, solo 3.5 sono stati usati per le finalità di legge...purtroppo, oggi lasciare la propria firma OPM allo Stato non ne garantisce un uso corretto (e nemmeno laico: in passato con l'OPM statale sono stati finanziati restauri di opere cattoliche...). Se volete saperne di più, andate al sito dell'ADUC (associazione utenti e consumatori)www.aduc.it che ogni anno fa un reportage sull'uso dell'OPM da parte dei 7 destinatari. Spero di esservi stata utile... Simona

    RispondiElimina
  2. Grazie del contributo, io mi permetto di consigliarti il sito www.uaar.it (soprattutto alla sezione Laicità) e "La questua" di Curzio Maltese, da cui prendo questo brano:
    "'L'Osservatore Romano' ha incassato in silenzio la documentazione da me [Ernesto Rossi] portata per dimostrare che Pio XII è stato uno dei maggiori responsabili della Seconda Guerra Mondiale; ma ha reagito violentemente alla mia moderatissima osservazione che la politica reazionaria della Chiesa, e la sua stretta alleanza con la Confindustria, devono essere considerate anche un effetto dell'ingigantimento del patrimonio della Santa Sede e degli ordini religiosi che hanno avuto, in pratica, le clausole finanziarie contenute nei Patti Lateranensi, e una conseguenza degli investimenti massicci fatti dalla Santa Sede e dagli ordini religiosi in partecipazioni azionarie delle società elettriche e degli altri maggiori gruppi che sfruttano monopolisticamente il mercato nazionale."

    RispondiElimina
  3. Grazie CoB, la questua l'ho letta... e quanto a me, mi ritengo una cittadina laica, anche se cristiana (e...ebbene sì, non cattolica - ma valdese). In quanto tale, destinerei volentieri la mia firma OPM allo Stato, se venisse impiegato per le giuste finalità - fame nel mondo, calamità naturali come il terremoto in Abruzzo ecc - ma la realtà è quella che ho riportato sopra.. quindi in attesa di un uso più corretto "voto" per l'OPM valdese, di cui so fino all'ultimo euro come viene speso: non un euro ad attività di culto (nuove chiese, stipendi di pastori e pastore - che ci paghiamo da soli, rigorosamente, da aspirante "libera chiesa in libero stato" - ma tutto in attività sociali, umanitarie e culturali, compresa la ricerca sulle staminali - osteggiata da altri ma fondamentale per provare a trovare nuove cure a gravi malattie, come la Kore! Se vuoi/volete saperne di più, andate a www.ottopermillevaldese.org - dove tutto viene "resocontato" con trasparenza, e... si può persino fare domanda di finanziamento di un progetto alla Tavola Valdese (massimo organo esecutivo delle nostre chiese) se in linea con le finalità di cui sopra... spero di esservi stata utile..ciao da Simona, una valdese :-)

    RispondiElimina
  4. Non so se eri a Piazza Farnese alla manifestazione per il testamento biologico, l'intervento di Daniele Garrone è stato davvero apprezzabile anche per un ateo e anticlericale come me ^^ Una cosa mi sfugge: se sei valdese e conosci così bene l'uso che la tua comunità fa di questi soldi, perché dovresti destinarli allo Stato? Ciao ^^

    RispondiElimina