mercoledì 20 maggio 2009

Otto per mille [04]

PERCHÉ ABROGARE IL MECCANISMO?
  • Perché il meccanismo doveva essere basato sulla volontarietà, ma la ripartizione delle scelte inespresse vìola, di fatto, questo principio;
  • perché è un finanziamento a fondo perduto a favore di confessioni religiose che si dovrebbero autofinanziare. Soprattutto nel caso della Chiesa cattolica, gran parte di questi contributi non ha alcuna utilità sociale;
  • perché è una partita truccata: a differenza delle confessioni religiose, lo Stato Italiano non fa alcuna pubblicità per sé e non informa su come impiega questi fondi. Quando, nel 1996, il ministro Livia Turco propose di destinare i fondi di competenza statale all'infanzia svantaggiata, il "cassiere" della Conferenza Episcopale Italiana, Attilio Nicora, reagì duramente, sostenendo che «lo Stato non deve fare concorrenza scorretta nei confronti della Chiesa»;
  • perché è una partita a cui non tutti possono giocare: sono ammesse solo le confessioni sottoscrittrici di un'intesa con lo Stato. Ecco perché la Chiesa, attraverso i parlamentari cattolici, blocca l'accordo (già sottoscritto) con i Testimoni di Geova e impedisce l'avvio di trattative con gli islamici: i fedeli di queste religioni, ben disciplinati, grazie al meccanismo delle scelte inespresse, porterebbero alle loro gerarchie una contribuzione ben superiore alla loro percentuale reale, con un danno valutabile in centinaia di milioni di euro per la Chiesa cattolica.
  • perché è un meccanismo non chiaro, che trae in inganno non solo il semplice cittadino, ma anche la persona colta. Un giornalista Rai ha dovuto addirittura scusarsi in diretta per la sua ignoranza in merito;
  • perché lo Stato, erogando questi finanziamenti, è costretto a cercarsi altre entrate con nuove forme di tassazione della popolazione.

MA SI PUÒ ABROGARE? O NON PAGARE? E COME?
L'Associazione per lo Sbattezzo ha lanciato da diversi anni un'iniziativa per l'obiezione fiscale: maggiori informazioni sul loro sito (p.310 e segg.).

L'UAAR ha anch'essa più volte criticato e chiesto modifiche alla normativa: resta il fatto che un cambiamento è fattibile solo attraverso una modifica della legge. L'UAAR ha proposto di adottare il meccanismo tedesco, per il quale solo i fedeli che desiderano esplicitamente appartenere a una confessione religiosa sono tassati per sovvenzionarla.

4 commenti:

  1. ...tutto vero e condivisibile! tranne sul fatto che, per ora, destinare il proprio OPM allo stato sia una scelta laica e "sociale"...I contribuenti che fino all'anno scorso hanno scelto di destinare l'otto per mille allo Stato sono stati presi in giro... E così sono state prese in giro anche le 808 realtà - comuni, associazioni di volontariato, persino oratori e parrocchie cattoliche (ebbene sì, anche loro chiedono allo Stato!), e così via - che avevano visto le loro domande di finanziamento accolte dallo Stato, ma che non vedranno un euro, salvo 7 domande che verranno effettivamente finanziate. Le risorse teoricamente assegnabili erano circa 90 milioni di euro, frutto delle scelte del 7.6% dei contribuenti che hanno indicato lo Stato come destinatario dell'otto per mille.
    Poi il Governo Berlusconi ha utilizzato i fondi dell'otto per mille statale per finanziare l'abolizione dell'Ici sulla prima casa. Il risultato è che i fondi effettivamente a disposizione sono stati limitati a 3,5 milioni di euro, con cui il Governo finanzia solo 7 progetti relativi alle calamità naturali... lascio a voi trarre le debite conclusioni... spero di essere stata utile, Simona

    RispondiElimina
  2. Concordo che sarebbe più corretto dichiarare in anticipo quali saranno i progetti finanziati dallo Stato con l'OPM, ma la cosa più scandalosa secondo me è darli al Vaticano, ciao

    RispondiElimina
  3. ...beh, se vuoi, puoi sempre darli alla chiesa valdese, che li impiega solo a scopo educativo, sociale e assistenziale.. :-) Infatti, a differenza di altri enti, qui nemmeno un euro viene speso per attività di culto (es. costruzione di nuove chiese, o pagamento degli stipendi di pastori e pastore...) beh, ti confesso che...io sono valdese, e "dall'interno", nel mio piccolo ti posso garantire che è proprio vero, ci teniamo a finanziarci il nostro culto da soli da piccola libera chiesa in libero (?) stato...! Se vuoi saperne di più, comunque, di come vengono investiti i fondi OPM da valdesi e metodisti italiani, puoi andare al sito www.ottopermillevaldese.org - dove troverai tutte le informazioni, anche su come presenare un progetto sociale o cultural, in italia o all'estero, per ricevere un finanziamento - se vuoi... spero di esserti stata utile! Simona, valdese :-)

    RispondiElimina
  4. Infatti li ho dati alla chiesa Valdese anche io, ti avevo risposto in calce a un altro post e ti avevo fatto delle domande, ma non so come contattarti... ciao...

    RispondiElimina