domenica 7 giugno 2009

Lo Sbattezzo [03]

IL BATTESIMO COME ADESIONE ALLA CHIESA CATTOLICA

La Chiesa cattolica, nel corso della sua storia, ha spesso abusato del battesimo per ottenere "conversioni forzate", soprattutto nei confronti degli ebrei. Ancora oggi il Codice di diritto canonico, al canone 868, stabilisce questa assurda norma: «il bambino di genitori cattolici e persino di non cattolici, in pericolo di morte è battezzato lecitamente anche contro la volontà dei genitori». Qualora si verificasse, i genitori dello sfortunato bambino potrebbero denunciare il battezzante per violazione dell’art. 30 della Costituzione.

Ricordiamo che tale articolo stabilisce che «è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i propri figli». Attenzione, però: "istruire" non significa affatto "imporre". Insegnare ai proprî figli la verità della religione cattolica non deve quindi avere come automatica conseguenza l'adesione vita natural durante alla Chiesa cattolica, così come insegnare ai proprî figli il gioco degli scacchi non deve comportare l'iscrizione vita natural durante al club degli scacchi. Questo infatti comporta il battesimo: il canone 96 del Codice di diritto canonico stabilisce infatti che «mediante il battesimo l'uomo è incorporato alla Chiesa di Cristo e in essa è costituito persona, con i doveri e i diritti che ai cristiani, tenuta presente la loro condizione, sono propri, in quanto sono nella comunione ecclesiastica e purché non si frapponga una sanzione legittimamente inflitta». E questa condizione assume valore anche per la legge italiana.

La sentenza della Corte Costituzionale n. 239/84 ha invece stabilito che l'adesione a una qualsiasi comunità religiosa debba essere basata sulla volontà della persona: difficile rintracciare tale volontà in un bambino di pochi giorni.

Infine, secondo la legge 196/2003, l'appartenenza religiosa è considerata un dato sensibile, esattamente come l'appartenenza sindacale e politica, la vita sessuale e la salute dell'individuo. Non si capisce pertanto perché, se la legge impedisce ai genitori di iscrivere i propri figli a un sindacato, a un partito politico, a un'associazione gay, non debba conseguentemente impedire l'adesione a un'organizzazione religiosa.

5 commenti:

  1. ...giuuuuuusssssssto!..spiegami meglio cosa devo fare per farmi Sbattezzare.....tanto sono già stata scomunicata svariate volte...ma..lo sbattezzo prevede in automatico anche la Scomunione e la Scresima???..non è una battuta ..giouro..voglio saperne di più..

    RispondiElimina
  2. Trovi tutto qui: http://www.uaar.it/laicita/sbattezzo/#09.
    A sbattezzo avvenuto non si fa più parte della chiesa cattolica, quindi è una sorta di panacea laica. Questo ovviamente fa perdere alcuni importanti privilegi, come il poter essere padrino a comunioni/battesimi o anche avere funerali in chiesa, ma io ho sempre sognato di essere dato in pasto ai corvi ^^

    RispondiElimina
  3. ...e tu li chiami privilegi fare da padrino o madrina o testimone..due palle di due/tre ore dentro la chiesa PER FORZA??....insomma...io per ora me la cavo negli inviti che se proprio, nel caso di care amicizia non posso dribblare, passando tutto il tempo FUORI la chiesa....pensa ch ebello poter dire: mi spiace caaaaaaaaaari...nono posso essere padrino/madrina ecc...perchè sono sbattezzato!!!eheheheheh.....

    PS: per la morte non c'è problema...ho già comunicato a chi di dovere di non farmi passare per chiesa pena la stramaledizione e l'apparizione tutte le notti appollaiata sull'armadio di fronte al letto....per il resto..ho fatto con le mie manine una bella scatola di cartone, dove deporre le ceneri prima di disperderle!!

    RispondiElimina
  4. Dai era ironica, poi non so te, ma tutti quelli che conosco io organizzano questi riti solo per abitudine, in realtà non ci credono nemmeno loro ^^

    PS
    Dopo aver letto "Alta fedeltà" io mi sono limitato a scegliere le cinque canzoni da mettere durante il rito funebre, ma davvero voglio andare in pasto ai corvi, altro che ceneri ^^

    RispondiElimina
  5. ..si..anch'io conosco quelli che lo fanno per abitudine..tradizione e bla..e bla...insomma..niente di religioso o convinto....io la chiamo ipocrisia, e comunque quella mieserrima volontà di omologarsi altrimenti poi i parenti chiacchiareano. E un bel vaffanculo ai parenti che chiacchierano?? No?? Ci starebbe tutto....Boh...sarà che ho sempre fatto così....ovviamente sono stata "punita" per questo !!! ahahhaha!!

    RispondiElimina