venerdì 12 giugno 2009

★ Silent scream

Sono le 15.27 e mi aspettano almeno altre otto ore sveglio. Sembro un tossico che si conta le dosi di metadone, chiudo gli occhi e vedo un fucile a pompa, due macchine ferme e un colpo secco, De Niro e Walken che fanno la roulette russa mentre i vietnamiti li prendono a schiaffi. Ma nessuna testa che scoppia, niente schizzi di sangue sui muri. Gente che cade, che non parla, che cambia espressione del volto e ora mi sorride ora mi odia. Ci sono dei momenti che proprio non so dove aggrapparmi, allora semplifico, vado al bagno, cammino, caffè e sigaretta e mi dico che passerà pure stavolta, solo che non so mai quando.

7 commenti:

  1. io quando mi capitano questi stessi stati d'animo mi aggrappo ad un sogno...a qualcosa che vorrei fortemente realizzare puntando solo su me stessa...e non mi chiedo se ci riuscirò o meno ma impegno tutta me stessa, testa e cuore per riuscirci...

    RispondiElimina
  2. 'azz, allora il mio amico non è l'unico... -.-

    RispondiElimina
  3. no..non credo..anche se penso che, tutti siamo unici, ma con molte similitudini..il tuo amico è in buona compagnia (se può consolarlo)^_^

    RispondiElimina
  4. Dai, non mi dire che hai un'amica come lui... ^^

    RispondiElimina
  5. ...vero..ho un'amica molto simile a lui....come hai fatto a capirlo??? @___@

    RispondiElimina
  6. So' astuto, non mi si può nascondere niente -.-

    RispondiElimina